alt=”Bagni Licia”

Bagni Licia e Mr Cavalluccio, la nostra storia

Mr Cavalluccio e la Bagni Licia Family

La Storia dei Bagni Licia

Questa è la storia dei Bagni Licia e di un Cavalluccio, non uno dei tanti cavallucci che voi tutti conoscete, ma un cavalluccio speciale, seppe trasformare i propri sogni in realtà.

Mr Cavalluccio e la ricerca di un futuro migliore

Un bel giorno Cavalluccio decise di allontanarsi dalla sua umile famiglia per trovare fortuna nelle acque del Mar Adriatico.

Tempo prima un vecchio amico gli raccontò che da quelle parti c’erano delle spiagge bellissime, con sabbia di velluto ed acque calme dalla temperatura mite e piacevole.

Di buon’ora Cavalluccio raccolse le sue poche cose, salutò famiglia ed amici più cari e si mise in viaggio. Finalmente dopo giorni di attraversata varcò le acque del Mar Adriatico, era il Cavalluccio più felice del mondo. Adorava nuotare in quel mare limpido, caldo e pieno di nuovi amici da conoscere e con cui fare lunghe chiaccherate.

Una notte, mentre stava riposando, fu svegliato da un potente boato. Cavalluccio si svegliò nel bel mezzo di una impetuosa tempesta: onde altissime, forti correnti correnti, tuoni e fulmini lo travolsero in un batter d’occhio.

Stremato dalla funesta tempesta, Cavalluccio perse i sensi e si lasciò andare al volere del proprio destino.

Mr. Cavalluccio e Gabbiano Mario

Erano mesi che il Gabbiano Mario era in attesa di un temporale come quello, aveva proprio voglia di farsi una bella scorpacciata di pesce.

All’aurora si alzò in volo, desideroso di una fresca e ricca colazione. Oooooh quanto ben di Dio, quanto pesce fresco pronto per essere mangiato! Alla terza planata Mario vide una piccola cosa galleggiare poco distante da lui. La curiosità vinse sulla fame e con una repentina virata Mario si avvicinò allo strano oggetto luminoso.

Uaooo, un cavalluccio marino, Mario sognava di vederne uno sin da bambino. “CraaCraa!Hey Bellooo!” iniziò a urlare Mario per attirare l’attenzione del povero Cavalluccio fluttuante. Provò a chiamarlo più volte, ma il Cavalluccio sembrava non dare segni di vita.

Mario era certo di voler aiutare quella bellissima e indifesa creatura che da tanto tempo sognava di conoscere, così si dimenticò della sua prelibata colazione, con una super planata si avvicinò al cavalluccio, lo afferrò delicatamente con il suo lungo e forte becco e lo portò in salvo sulla vicina spiaggia di Senigallia.

Per due lunghi giorni Mario si prese cura del suo nuovo amico. Era sicuro che se lo avesse accudito con amore si sarebbe risvegliato per iniziare una nuova vita, sicuramente più gloriosa della prima.

Il terzo giorno, mentre Gabbiano Mario era indaffarato con uno strano arnese trovato in spiaggia, sentì una vocina flebile “Ahi!Ahi…ma dove sono finito? Sono ancora vivo?”. Mario corse subito verso di lui, gli versò un po’ di acqua per rinfrescarlo e si presentò.

“Graa!Graa! Ciao Cavalluccio, io sono il Gabbiano Mario. Tre giorni fa, mi stavo godendo una prelibata colazione a base di pesce fresco e d’improvviso ti ho trovato stremato in mezzo al mare. Ho sempre sognato di avere un Cavalluccio come amico, creatura fedele ed elegante, quindi ti ho portato in salvo qui sulla spiaggia e mi sono preso cura di te, idratandoti e riparandoti dal freddo con le mie grandi e calde ali. Ora sei salvo amico mio e non ci abbandoneremo mai.”

…tutto cominciò da qui…

Il Cavalluccio ed il Gabbiano Mario passarono intere giornate a raccontarsi la loro storia, a ridere e fantasticare sul loro futuro.

In una calda serata il Cavalluccio si accomodò sulla soffice spiaggia di velluto ad osservare le ultime luci del giorno. Il cielo sembrava una tavolozza, i colori si inseguivano senza mai prendersi.

Fu in quell’esatto momento che il Cavalluccio chiamò Mario e gli disse “Haaaa! Mario, ho deciso, io rimango in questa spiaggia. Questo è il posto che trasformerò nella mia casa, nella casa di tutti coloro che vorranno un po’ di ristoro, un po’ di riposo. Costruirò alti ombrelloni per offrire a tutti i miei ospiti della gradevole ombra. Creerò con le mie mani delle sdraie per farli riposare e prendere il sole. Qui vivrà la mia famiglia, qui cresceranno di miei figli ed i miei nipoti. Qui ospiterò ogni giorno centinaia di persone e con semplicità, dedizione e passione gli regalerò un pezzetto di paradiso…emozioni, immagini, colori che ricorderanno per sempre con un sorriso”.

Mario ci pensò un po’ su e poi con una buffa faccia rispose “Whoohoo! Sai che ti dico? Io ti aiuterò e farò tutto il possibile perché che il tuo sogno diventi realtà”

Qui ospiterò ogni giorno centinaia di persone e con semplicità, dedizione e passione gli regalerò un pezzetto di paradiso...emozioni, immagini, colori che ricorderanno per sempre con un sorriso

La realizzazione di un sogno

Il giorno seguente Cavalluccio si svegliò di buon’ora. Durante la notte aveva scritto una lunga lista di cose da fare.

Come prima cosa avrebbe pulito la spiaggia, poi avrebbe livellato la sabbia per darle un look più curato.

Fatto ciò, avrebbe costruito ombrelloni blu e bianchi e tutto il resto. Si mise subito al lavoro…

Quando Mario aprì gli occhi, vide il suo amico saltare a destra e manca fischiettando. Era talmente veloce che Mario non riusciva a seguirlo con lo sguardo. “Graa,Graaa, piano MARINO! Aspetta che ti aiuto io!”.Il Cavalluccio si fermò, guardò il suo amico con le penne ancora tutte arruffate e scoppiò in una grande risata “Ahahah MARINO hai detto??! Ahahah! Sai Mario, che mi piace proprio questo nome!”.

Giorno dopo giorno, ombrellone dopo ombrellone, Mr. Cavalluccio Marino diventò famoso in tutta Senigallia, una celebrità, un punto di riferimento per molti”.

Cavalluccio Marino e Gabbiano Mario lavoravano sodo dall’alba al tramonto, dimenticandosi lo scorrere dei giorni e delle settimane.

A Senigallia si iniziò a parlare dei due inseparabili amici e della loro impresa. Alcuni, con tono disilluso, sostenevano che il progetto di Mr Cavalluccio Marino di creare uno stabilimento balneare in un tratto di spiaggia così lontano dal cuore della città, fosse un’impresa persa in partenza e senza futuro. Altri, trovarono l’iniziativa così originale da voler contribuire. Tra questi c’era Grillo Nicchio, un grillo di poche parole, all’apparenza burbero ma con un gran cuore e due occhi azzurro cielo. Grillo Nicchio radunò le sue cose e saltellando e fischiettando si precipitò alla spiaggia. Retino e secchiello alla mano Nicchio fu l’aiutante migliore che Cavalluccio Marino e Gabbiano Mario potessero desiderare.

I Bagni Licia

Dopo soli due mesi due i nostri eroi stavano per piantare gli ultimi ombrelloni e giugno era alle porte. Cavalluccio Marino chiamò Gabbiano Mario e Grillo Nicchio e gli disse:

“Ci siamo amici, Il quindici di Giugno inaugureremo la spiaggia, l’unica così accogliente nei paraggi!”.

Gioia, Speranza, Grinta e Amore si misero a disposizione dei tre condottieri. Grillo Nicchio si dedicò agli ultimi ritocchi con colore e pennello, il Cavalluccio curò l’organizzazione del party e Mario si mise subito in volo per consegnare tutti gli inviti. Arrivò il grande giorno!

La spiaggia era stupenda: sabbia soffice, ombrelloni e lettini bianchi e blu. Gli invitati iniziarono ad arrivare. La serata andava a gonfie vele grazie all’affiatamento ed alla complicità dei tre.

Nicchio aveva il compito di controllare che gli invitati avessero tutto ciò che desideravano.

Gabbiano Mario mostrava a tutti le foto delle mille avventure vissute, mentre Cavalluccio Marino faceva gli onori di casa. Saluta…che ti saluta…d’improvviso Cavalluccio Marino si sentì una stretta al cuore.

Una Cavalluccia stupenda e dagli occhi limpidi era proprio li davanti a lui. Non ne aveva mai vista una così bella. Senza pensarci su Cavalluccio Marino si presentò e la accompagnò a prendere qualcosa da mangiare. Passarono l’intera serata insieme ballando, parlando con gli altri invitati ed ascoltando i racconti di Gabbiano Mario. Una serata indimenticabile, che i due innamorati avrebbero portato sempre nei loro cuori.

Mr. Cavalluccio Family

A questo punto ti sarai sicuramente fatto un’idea sul finale della storia…Ebbene sì…Cavalluccia e Cavalluccio Marino si innamorarono, tanto che Mr. Cavalluccio decise di chiamare lo stabilimento Bagni Licia, in onore della sua amata.

I due passavano intere giornate a passeggiare, lavorare, parlare con le persone che si fermavano a rilassarsi in spiaggia. Nicchio e Mario erano senza parole tanta la sintonia che avevano i due.

Così, dopo mesi di passione, Cavalluccio Mario e Cavalluccia diventarono marito e moglie.

Ancora oggi tutti gli abitanti della città raccontano di un matrimonio indimenticabile.

Cavalluccia era bellissima nel suo vestito color pesca. Le nozze furono celebrate in spiaggia, ai Bagni Licia, tra calle e fiori d’arancio dal profumo gradevole e delicato. Musica, cibo prelibato e bevande, furono offerti fino alle prime luci dell’alba. Tutto il paese si strinse attorno ai due sposini per augurargli tutto ciò che desideravano dalla loro vita.

Dopo alcuni mesi Cavalluccia diede alla luce due bellissime stelle marine e un cavalluccio dalla chioma bionda. La famiglia cresceva, i Bagni Licia erano sempre più conosciuti e rinomati, insomma, tutti i desideri di una vita stavano diventando realtà.

Ed eccoci arrivati alla fine e ad un nuovo inizio.

Da questo momento in poi la storia dei Bagni Licia la stai scrivendo tu, che ci stai leggendo, la stanno scrivendo tutti i nostri clienti, estate dopo estate, con fedeltà, amicizia e gioia. E’ grazie a voi Senigalliesi e forestieri, del nord e del sud, piccoli e grandi, che siamo qui a raccontarvi una parte della storia dei Bagni Licia.

La Mr Cavalluccio Family vi augura tutto ciò che desiderate, nell’attesa di nuove Emozioni d’aMARE!

Comments.

  • Harry Davidson

    Fruit man saying itself open were. Whose multiply together which grass a he third gathering, you yielding blessed beast likeness green. Two kind can\’t divided said stars darkness isn\’t called.

    • Jessica Reed

      Herb is sixth fruitful one multiply fruit won\’t she\’d fowl you, creepeth. To give great a. Open after a won\’t. Sea image.

Leave a Comment.

WhatsApp Messaggiaci!